soldi

In Germania sindacati, imprese e l’Unione dei cristianodemocratici e dei cristianosociali hanno raggiunto il loro obiettivo: alla fine la Merkel ha dovuto accettare il ricatto del salario minimo.

Read the rest of this entry »

Commenti disabilitati

prov

  Dopo la puntata di Servizio Pubblico del 23.05.2013 è ormai chiaro: Provenzano, a prescindere dalle sue reali intenzioni, non deve assolutamente parlare. Ma parlare di cosa e con chi? Magari di tante cose, vista la sua lunga carriera di boss, e magari davanti al PM Di Matteo nell’ambito del processo sulla trattativa Stato-Mafia. Magari tra le prime cose che potrebbe dire, perchè più recenti, ci potrebbe essere una illuminante spiegazione della sua così duratura latitanza e sul ruolo, in questa latitanza, dei Ros. Read the rest of this entry »

Commenti disabilitati

berlu

 Per chi non lo sapesse esiste un  D.P.R. 30 marzo 1957 che, all’art. 1 comma 1 n.1, recita:

Read the rest of this entry »

Andreotti è morto a 33 anni

Posted: 9th maggio 2013 by Leonardo Iacobucci in Attualità, Politica interna
Tags: , , ,
Commenti disabilitati

giulio

Come avviene generalmente per il gentil sesso anche per Andreotti si è usata la cortesia di “togliere gli anni”….peccato che gli anni in questione siano quelli segnati da un sodalizio mafioso e che ad usare tale cortesia siano stati tutti i giornalisti italiani, tranne rare eccezioni. Praticamente hanno fatto tutti finta che quel periodo della sua vita non sia mai esistito… Andreotti è morto praticamente a soli 33 anni. Ma chi ha mai detto che Andreotti è stato un mafioso? Nella primavera del 1980 lo dicono le motivazioni della sentenza d’appello di Palermo del processo ad Andreotti Giulio, imputato di associazione per delinquere e associazione di tipo mafioso. Mafioso fino al 1980.

Read the rest of this entry »

Marò che figura!

Posted: 21st marzo 2013 by Leonardo Iacobucci in Attualità, Politica estera
Tags: , , ,
Commenti disabilitati

maroSulla ormai nota vicenda dei due Marò sotto processo in India per aver ucciso dei pescatori scambiati per pirati c’è da fare una premessa.

Che bisogno c’era che una nave privata avesse a bordo due militari dell’esercito italiano? Non poteva l’armatore rivolgersi a contractors privati? E’ vero che anche l’impiego dei due militari è a carico dell’armatore ma perché proprio loro e non dei mercenari? Evidentemente allo stesso prezzo (?) ci sono dei bei vantaggi a farsi scortare da membri dell’esercito nazionale. Vediamo la questione giuridica.

Read the rest of this entry »